mostra/nascondi mappa  

Cuba


Specie botaniche: Arabica (85%), Robusta (15%)

Sacchi: 60 kg

Fioritura: da Dicembre a Maggio

Raccolto: da Settembre a Febbraio

Metodo di raccolta: raccolta a mano

Esportazione: da Novembre a Giugno

Porti d'imbarco: Santiago de Cuba

Produzione: 100.000 sacchi


Cuba è la maggiore delle isole dell’arcipelago dei Caraibi.
Il caffè fece il suo primo ingresso nel 1748 per opera dei coloni francesi, che attraverso alcune migliorie delle pratiche agricole fecero di fatto aumentare la qualità del caffè cubano che conobbe di conseguenza un’epoca d’oro durante il XIX sec.
Al term
ine della Rivoluzione Cubana nel 1959, la produzione di caffè subì un declino, dovuto soprattutto alla parcellizzazione dei grandi terreni adibiti alla coltivazione e alla mancanza di incentivi per i piccoli proprietari terrieri.
Nel 1962 la produzione di caffè subì un’altra battuta d’arresto a causa dell’embargo degli Stati Uniti posto su tutti i beni d’esportazione cubani. La dissoluzione dell’Unione Sovietica alla fine del XX secolo poi peggiorò ulteriormente la situazione.
Oggi il caffè costituisce solo una parte molto modesta di quanto esportato a livello nazionale;  quasi tutto il caffè viene coltivato intorno all'area montuosa della Sierra Maestra, dal momento che gran
parte del territorio è pianeggiante, e viene esportato integralmente dalla Cubaexport che si occupa anche di pagare un prezzo regolamentato ai coltivatori.
Le specie coltivate sono sia Arabica che Robusta e gran parte della produzione proviene da piccoli proprietari terrieri a conduzione familiare.

Qualità di questa regione